LA PERFORMASTA ONLINE DAL 20 MAGGIO AL 20 GIUGNO

Dopo il debutto live presso la Paci Contemporary Gallery, “tempio” della fotografia contemporanea, la Performasta si sposta online e sarà possibile provare a portarvi a casa la vostra opera preferita fino al 20 giugno alle ore 9, quando l’asta verrà definitivamente chiusa.

Ricordiamo che le stampe sono state realizzate grazie alla generosità di Hahnehmüle, che ha donato la carta fine art e le certificazioni di autenticità, e Newlab, partner storico di 7MML.

L’asta affonda le sue radici nella generosità di 19 artisti – tra emergenti e illustri – e si propone di raccogliere fondi per le associazioni partner del “rocambolesco” H2o PLANET_5.2 Africa per onorare al meglio l’impegno preso per aiutarli nei loro progetti africani. Le associazioni sono: EMERGENCY, Coopi, Celim, Sunu Diiwaan, La Via Etica e SANA, e i loro progetti sono legati alla sostenibilità ambientale e alla tutela dei diritti dell’infanzia, dalle cure all’istruzione.

PER FARE LA VOSTRA OFFERTA COMPILATE IL FORM AL TERMINE DELLA PAGINA FACENDO SCORRERE IL CATALOGO. 

Arnaldo Abba Legnazzi è nato il 14 Maggio 1984 a Brescia. Nel 2011 si trasferisce a Los Angeles per studiare fotografia al Brooks Institute dove si laureerà due anni più tardi con menzione d’onore, e dove lavorerà come assistente  per fotografi di celebrities.Nel 2015 ritorna in Italia. Di base a Milano, lavora come fotografo editoriale e commerciale per riviste internazionali e aziende.

01. Pantelleria, 2021

CODICE: 01

BASE D’ASTA: 125 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: Open

DESCRIZIONE: Le immagini dell’isola italiana di Pantelleria sono teatro e luogo interno della memoria originaria del mio io.

Per le strade di Pantelleria ho avuto la sensazione di muovermi tra quinte sistemate per me in un percorso già deciso e di essere guidato a rivedere dei luoghi familiari come scaturiti dai ricordi.

Ma se il ricordo si rivolge al passato da ciò che è già vissuto, questi ricordi si rivolgono in percorso inverso al presente. Questi “paesi” nuovi ma familiari e conosciuti – o meglio riconosciuti – questi luoghi sono lo stato più lucido di noi stessi, sono la rivelazione tangibile di quello che siamo.

02. Carrara, 2021

FORMATO: 420 × 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: Open

03. Estate, 2020

FORMATO: 420 × 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: Open

Fotografofo fondatore di Moonwalk Studio. Laureato all’Accademia Santa Giulia di Brescia, ha intrapreso dal 2010 una carriera nel campo della fotografia di moda, commerciale e di ritratto, collaborando con importanti brand internazionali e artisti di fama, con pubblicazioni su magazine e quotidiani nazionali tra cui Corriere della Sera, Repubblica, Vanity Fair, WeAr, PlayBoy, Cosmopolitan. Sviluppa numerosi lavori internazionali di ricerca. Il più recente è il progetto itinerante One World One Face, esposto alla biennale di Firenze nella XII edizione. 

Alla professione Erminando ha sempre affiancato l’insegnamento, come docente di storia della fotografia di moda, fashion photography presso l’Accademia del Lusso di Milano e l’Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia.

04. Dancing on a rooftop, 2021

FORMATO: 420 × 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: Every day is a fresh start. Every sunrise is a new chapter.

05. Look into my eye, 2021

FORMATO: 420 × 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: “Open your eyes, look within”

06. Travis, 2021

CODICE: 06
BASE D’ASTA: 150 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 × 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: “I’m just looking for an angel with a broken wing”

Fotografo, Art Director, Consulente all’immagine e alla comunicazione. A New York ha collaborato con Albano Ballerini e “Nectarine Production”. Rientrato in Italia, lavora dal 1999 sul Lago di Garda. Quattro libri pubblicati, dal 2003 è anche docente di fotografia per corsi e master. Diverse mostre e pubblicazioni alle spalle, molte le curiosità che lo riguardano.

Un esempio per tutti, nel 2007 ha realizzato il primo mosaico di grande formato  (cm 240×240) al mondo in ceramica tratto da una fotografia digitale in collaborazione con la “Bottega Gatti” di Faenza e la Banca di Romagna.

07. Still Life – Cavalluccio, 1992

CODICE: 07
BASE D’ASTA: 600 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 20 x 25 cm

STAMPA: Polaroid 

TIRATURA: copia unica 

08. Still Life – Composizione Ironica, 1992

CODICE: 08

BASE D’ASTA: 600 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 20 x 25 cm

STAMPA: Polaroid

TIRATURA: copia unica

09. Still Life – Conchiglia con ventaglio, 1992

CODICE: 09

BASE D’ASTA: 600 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 20 x 25 cm

STAMPA: Polaroid

TIRATURA: copia unica

Nato a Villafranca di Verona nel 1956 , artista veronese tra i più significativi e noti fotografi italiani, impegnato da diversi anni nella fotografia di ricerca. Ha esposto in Italia e all’estero: Francia, Polonia, Argentina, Canada, USA, Principato di Monaco, Germania, Nuova Zelanda, URSS, Svezia e Repubblica di San Marino.

Invitato a partecipare alla Biennale internazionale d’Arte di Venezia nel 1995 e nel 2011, Padiglione Italia, ai Giardini di Castello e Arsenale. Nel 1997 rappresenta la giovane fotografia italiana a Vancouver in Canada. Nel 2000 espone alla Triennale di Milano nella mostra” Il chiaroscuro delle violenze”. Vince il XVI premio Friuli Venezia Giulia di fotografia nel 2002 e nel 2017 Nikon Italia ha  inserito sulla home page 22 opere con una sua intervista. Il suo lavoro si trova su cinque testi nella storia della fotografia. 

Le sue opere sono conservate nei musei di San Francisco, Biblioteca Nazionale di Parigi, Museo Ca’ Pesaro e Casa dei Tre Oci di Venezia , Museo Alinari di Firenze. 

Vive e opera a Villafranca di Verona.

https://it.wikipedia.org/wiki/Renato_Begnoni

10. Civiltà nascoste, 2019

CODICE: 10
BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/3

11. Natura Viva, 2020

CODICE: 11

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/3

12. Grovigli, 2021

CODICE: 12

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/3

NOTA DELL’AUTORE

Le tre immagini sono accomunate dalla presenza di un intervento pittorico sull’opera originale, dove l’autore è intervenuto togliendo e aggiungendo del colore a mano direttamente sulla superficie stampata.

I tratti della personalità di Beppe Brancato, uniti alla sua prospettiva multidisciplinare e alla sua inesauribile curiosità, tracciano una traiettoria professionale con importanti collaborazioni in tutto il mondo, nel settore del design e non solo.  Il lavoro di Brancato incarna una sinergia tra tecnica ed emozione, dove ogni soggetto, e ogni oggetto, viene catturato da una miriade di punti di vista, dimostrando la sua maestria nel rendere reale l’irreale e il costruito. 

Le sue foto esplorano concetti e prospettive compositive, traducendo il regno interno ed esterno in un modo unico, attraente e coinvolgente, dove i componenti convivono armoniosamente e si relazionano tra loro. Per Brancato le imperfezioni sono sinonimo di realtà, e la bellezza non è una nozione convenzionale ma un mistero da svelare e decifrare. Luce e ombra, protagoniste del suo lavoro, animano ed elevano i suoi soggetti generando nuove visioni e creando nuovi mondi. Di fascino intrinseco, la luce e di conseguenza il suo alter ego, l’ombra, si attraggono e si oppongono in modo direttamente proporzionale, divenendo il sine qua non della fotografia.

13. La notte dei fiori, 2018

CODICE: 13
BASE D’ASTA: 250 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 × 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: Domandarsi cosa fanno i fiori quando tutto il mondo dorme. La notte è delle imperfezioni, dei trucchi sfatti, degli animali più orridi e degli occhi chiusi. Nel silenzio del buio i fiori si disegnano leggeri e unici, nei loro petali rotti e nei loro gambi spezzati, riemergendo nella loro bellezza e diversità.

14. Specchio silente, 2017

CODICE: 14

BASE D’ASTA: 250 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: L’illusione di un riflesso, di un riflesso, di uno sguardo di due ambienti, uno specchio d’acqua che nel silenzio amplifica la potenza della natura.

15. Mother’s soul, 2019

CODICE: 15

BASE D’ASTA: 250 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: L’anima della madre accostata a un frutto, simbologia di vita, di esterno e interno, di rapporto tra la pelle esterna e la magia racchiusa al suo interno. 

Gianluca Checchi nato a Brescia nel 1983, autodidatta, innamorato del fotogiornalismo e della fotografia documentaristica racconta per immagini società, ambiente e natura; lavora come fotografo freelance dal 2010 occupandosi di fotografia corporate e di reportage sportivi. Dal 2015, cerca di raccontare il mondo e le aree rurali camminando.

Nel 2017 comincia un progetto a lungo termine per raccontare i fiumi del mondo, seguendo a piedi il tragitto di parte del Gange in India nel 2017, del Danubio in Romania e Bulgaria nel 2019 e dello Zambezi in Zambia, Zimbabwe e Botswana nel 2020.

LOCKDOWN PARADISE

Le foto fanno parte dell’ultimo viaggio di 7milamiglialontano pre-pandemia, tra febbraio e marzo 2020. 

Il mondo che conoscevamo sarebbe cambiato completamente nel giro di pochi giorni dal nostro arrivo in Zambia.

Sentirsi orfani di casa propria, il pensiero verso i propri cari lontani, il dolore, le vittime, crea una sorta di lockdown emotivo, verso tutto ciò che ti circonda, vivendo un luogo e cercando di comprenderlo, con la testa e il cuore a migliaia di miglia di distanza.

Una prigione mentale e una dipendenza dallo smartphone, l’unico mezzo con cui si poteva sapere cosa stava accadendo tanto lontano e comunicare con i propri affetti.

Queste immagini sono state scattate mentre la mia anima era lontana, cercando di regalare un’emozione a chi 

16. Moonshine Victoria, 2020

CODICE: 16

BASE D’ASTA: 125 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

17. Zambezi river, 2020

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

18. Mambova market child, 2020

CODICE: 18

BASE D’ASTA: 125 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

Silvia Gaffurini Brescia 1965. Nel 1987 consegue il Diploma in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano, e dal 1990 al 2011 ha esercitato l’attività di conservatore di Beni culturali. Nel 2014 esordisce nella fotografia autoriale con la personale esibizione alla fiera internazionale di fotografia MIA Photo Fair, di Milano. Negli anni 2015 e 2018 alla medesima fiera, si sono susseguiti altri eventi in collettivo con gallerie. Nel 2015 espone alla fiera Fotofever di Parigi. Dal 2014 al 2021 È stata selezionata per partecipare in collettivo ad eventi nazionali e internazionali presso musei e gallerie. Le sue opere sono inserite nei cataloghi delle mostre di riferimento.

Nel 2022 è stata pubblicata nel volume Il Corpo Solitario – L’ autoscatto nella fotografia contemporanea, III° edizione a cura di Giorgio Bonomi, edizioni Rubettino. Sue opere fanno parte di collezioni pubbliche come l’Archivio Nazionale del museo dell’Autoritratto Musinf, di Senigallia e private, come l’Archivio del Fondo Malerba per la fotografia di Milano. Nel 2017 e nel 2021 stata nominata finalista al Premio Internazionale di fotografia FAPA Awards di Londra. Nel 2021 ha ottenuto la menzione d’onore al Premio Internazionale di fotografia Neutral Density Awards di New York.

Utilizza l’autoritratto come corrispettivo di umanità. per indagare le derive della società contemporanea e della condizione femminile. Il concetto di ecologia visiva del recupero è da sempre un valore prioritario, recentemente declinato anche su temi paesaggistici e ambientali.

TELA D’OMBRA

L’illusione in un inserto d’ombra

La Luce che emana dalle opere d’arte è la cartina di tornasole per misurare cosa siamo stati, cosa potremmo essere e cosa siamo oggi. Tela d’Ombra riflette sulla precarietà e fragilità del mondo che ci ospita e che dovremmo imparare a rispettare, coscienti che le risorse non sono illimitate ed ogni nostra azione non resta senza conseguenze per qualcun altro e, oggi, l’altro siamo noi. Dissipate le ombre l’unica cosa che rimane è l’eredità che lasciamo alle future generazioni. Ho organizzato il tutto in autoscatto, ho sfruttato la luce delle mie finestre inserendo una tela che si fa strato, divisione, barriera. Diventando ombra non ero pi. io, ma correlativo dell’umanità. Davanti, invece, la realtà vera, quella a cui vorrei apporre rimedio e attraverso l’innesto del quadro suscitare l’illusione di una consapevolezza. I miei gesti si fanno simbolo per denunciare ciò che mi sta più a cuore, l’ambiente e il femminile.

19. Tela d’ombra – 2020

CODICE: 19

BASE D’ASTA: 300 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/5 + 2 PA

20. Tela d’ombra – 2020

CODICE: 20

BASE D’ASTA: 300 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/5 + 2 PA

21. Tela d’ombra – 2020

CODICE: 21

BASE D’ASTA: 300 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/5 + 2 PA

Fotografo italiano con sede a Bergamo e Milano. 

Ha studiato grafica e fotografia alla Scuola d’Arte Andrea Fantoni e ha proseguito nella formazione specializzandosi in fotografia e diplomandosi all’Accademia di Belle Arti LABA di Brescia. Dopo la laurea di base, decide di dedicarsi alle tecnologie dell’arte e alla fotografia presso l’Accademia di Belle Arti BRERA di Milano. Ottiene nel 2018 la cattedra come docente di fotografia alla scuola d’arte Andrea Fantoni di Bergamo e dal 2020 entra nel corpo docenti BFA-Milano per i corsi di fotografia moda, editoriali e content creator per il web. 

Il suo lavoro si identifica principalmente nella fotografia di ritratto e moda, con un’accurata ricerca dedita a sottolineare l’intimo scambio tra soggetto e osservatore, permettendo allo spettatore di entrare in intimità con essi.

22. Mirko, 2019

CODICE: 22
BASE D’ASTA: 250 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 × 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

23. Alpha, 2021

CODICE: 23

BASE D’ASTA: 250 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

24. DI_Viso, 2021

CODICE: 24

BASE D’ASTA: 250 €

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

Davide Lovatti è un fotografo con sede a Milano. Viaggia regolarmente in tutto il mondo per incarichi e per trovare luoghi, case e storie da fotografare. È cresciuto nel mondo della moda. Il suo interesse per l’architettura e il design lo ha trasformato in un curioso fotografo di interni. Le sue immagini sono pubblicate nelle migliori riviste del mondo.

Oggetti che fanno stare bene 

Sono immagini su un set ripetitivo di quello che era quotidianamente sotto i miei occhi durante il primo lockdown dovuto al Covid, oggetti raccolti nel corso del tempo, ognuno dei quali ha un particolare significato. 

Tutti noi abbiamo oggetti di questo genere, non è vero? Che ci aiutano con la loro carica simbolica.

25. Mappamondo – 2020

CODICE: 25

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

26. Braccio – 2020

CODICE: 26

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

27. Testa di scimmia – 2020

CODICE: 27

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

SIMONE MIZZOTTI

Nato a Crema nel 1983, studia alla L.A.B.A. – Libera accademia di belle arti di Brescia. 

Negli stessi anni approfondisce lo studio dei fotografi italiani degli ultimi decenni, dedicandosi a una personale indagine sul paesaggio italiano. Frequenta il Master di Alta Formazione sull’immagine contemporanea di Fondazione Fotografia Modena. Nell’estate del 2012 partecipa al programma di due mesi Artist in Residence presso il Centro de la Imagen di Lima (Perù). Al termine della residenza espone presso il Centro Cultural Ricardo Palma di Lima.

Partecipa inoltre a diverse residenze d’artista in Italia, sviluppando il suo interesse verso il territorio e il paesaggio (Confotografia, Mountain Photo Festival, MenoTrentuno, Giovane fotografia in Sardegna, PAS_Progetto Atelier Sardegna). Dal dicembre 2013 ad aprile 2014 è visiting professor al Ningbo Polytechnic di Beilun (Zhejiang, Cina), dove insegna Tecnica e Progettazione fotografica. Riceve la menzione d’onore al premio Grazia 2014 per il progetto Ningbo Polytechnic durante la 13° edizione del Festival della fotografia di Roma. Negli ultimi anni ha intrapreso diverse attività didattiche volte ad avvicinare il pubblico all’osservazione del paesaggio contemporaneo, attraverso uno sguardo e un linguaggio documentaristici.

Quello che ricerco nelle mie fotografie è di inserire una parte personale ed emotiva che mi lega a quei luoghi, questo credo che faccia parte in tutte le immagini che realizzo. 

Sia che appartengano a un progetto o una singola immagine, che poi rientra in una più ampia produzione fotografica.

Mi interessa molto includere all’interno delle mie immagini tutti quegli elementi che possano arricchire la scena, cerco sempre di attirare l’attenzione su quelle scene o situazioni a cui forse nessuno farebbe caso, questo è quello che personalmente mi interessa di più.

28. Las palmas, 2016

CODICE: 28

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 3/10

29. Lanzarote, 2016

CODICE: 29

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 3/10

30. Etna – 2017

CODICE: 30

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 3/10

Vincenzo Parisi è un fotografo Italiano con sede a Bologna.

Ha frequentato dal 2015 al 2018 la scuola di fotografia Foto Image di Fulvio Bugani, nella quale ha seguito la Masterclass di Narrazione Visiva tenuta dallo stesso Bugani, dal fotografo Giulio di Sturco e dalla photo editor Annalisa D’Angelo.

Tra i suoi lavori figurano “Sacre Bleu”, un reportage sui festeggiamenti della vittoria della coppa del mondo in Francia nel 2018, “6000 Sardine”, sul movimento apolitico nato in Emilia Romagna a ridosso delle elezioni Regionali del 2019 e “Postcards from Italy”, una racconto dell’Italia del lockdown del 2020 attraverso immagini raccolte da webcam sparse per il paese.

“Queste tre fotografie fanno parte di una serie che sto raccogliendo nel corso dei miei lavori. Mi piace l’idea di mantenere una certa distanza dai soggetti per non interferire con la realtà e riprendere situazioni dove possa emergere una malinconica solitudine dell’essere umano, che sia in gruppo o da solo.”

31. Tarifa, Spagna – 2019

CODICE: 31

BASE D’ASTA: 125 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/1

DESCRIZIONE: Turisti sulla spiaggia di Tarifa in Aprile, paese conosciuto per essere il comune più meridionale dell’intera Europa continentale.

Bologna

32. Bologna, Italia – 2020

CODICE: 32

BASE D’ASTA: 125 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/1

DESCRIZIONE: Memorale della Shoah di Bologna, di recente costruzione, uno dei luoghi architetturalmente più moderni di Bologna, spesso ritrovo di giovani e skaters.

33. Bologna, Italia – 2019

CODICE: 33

BASE D’ASTA: 125 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/1

DESCRIZIONE: Stazione AV di Bologna, uomo in giacca nera aspetta il taxi alla banchina del parcheggio sotterraneo.

Giuliano Radici nasce a Brescia, Italia, nel millenovecentocinquantasette.

Un tempo si sarebbe definito fotografo, oggi si sente “racconta storie”. Utilizza infatti fotografia ed editing per dare voce alle sue esperienze, tracciando percorsi visivi creativi e intensi. Ha lavorato per la moda e la pubblicità e ha realizzato reportages di indiscussa forza espressiva. Diversi portfolio pubblicati su riviste come “Zoom International”, “Gente di Fotografia”, “ Private” e vari redazionali di moda lo hanno fatto conoscere al grande pubblico. Ha pubblicato libri fotografici che hanno incontrato l’apprezzamento della critica internazionale. Dal 2009 il suo percorso artitico e umano si sono fusi in 7milamiglialontano. Con il fratello e artista Roberto Radici ha realizzato a Brescia le installazioni artistiche Animals & Travel (2020) e La Storia dentro (2021), espressioni di un linguaggio che fonde diversi percorsi e si rivolgono alla collettività per elaborare comuni strategie di lettura della complessità del presente. 

LETTERA DA UN AMICO POETA

Un trittico che fonde immagine e racconto. Oggetti recuperati dallo spazio dell’abbandono, riportati in vita dall’inserimento di composizioni floreali di Fabio Racheli e fatti parlare dal poeta “Masem”, Massimo Pintossi.

34. Lettera da un amico poeta 01 – 2020

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: copia unica + p.a.

35. Lettara da un amico poeta 02 – 2020

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: copia unica + p.a.

36. Lettera da un amico poeta 03 – 2020

FORMATO: 609,6 x 431,8 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: copia unica + p.a.

Dopo 20 anni di impegno come startupper seriale, Giangiacomo ha definitivamente abbracciato l’arte, e nello specifico la fotografia, sua compagna di vita da sempre, per riflettere in modo critico sul mondo che lo circonda. Complice anche la sua esperienza di vita negli Stati Uniti e l’area su cui si è specializzato come startupper (la salute digitale), Giangiacomo ha focalizzato la sua attenzione sulle tematiche del pregiudizio, indagato anche con il supporto delle neuroscienze cognitive.

I suoi lavori principali sono Blind Sight, una riflessione critica sul pregiudizio razziale, culminata con un progetto di mail art partecipativa tuttora in atto (una cartolina per Floyd), e le Cages (qui presentate), che invitano a ribaltare  il punto di vista vista su architetture iconiche, leggendole al di fuori dei pregiudizi positivi che normalmente le accompagnano.

CAGES

“I palazzi iconoci delle architetture moderne sono meravigliosi. Senza dubbio. Ogni singola linea è disegnata per creare un risultato di potenza, di gloria e di indisputata bellezza. Ne siamo certi? Mettendo in discussione il significato e l’importanza che il carattere monumentale attribuisce a questi palazzi, l’autore riflette sul modo in cui questi trasformino la vita di coloro che li popolano. 

La loro vita si svolge tutta dentro quelle mura. I loro capi, colleghi, compagni di uffici gli sono più familiari delle loro stesse famiglie. Uscendo dagli stereoptipi, questo è ciò che noi chiamiamo gabbie. Grandi, seduttive, potenti e meravigliose. Ma comunque gabbie. Strane gabbie, con le porte aperte. Perché non c’è bisogno di chiudere alcuna porta se sono i tuoi pensieri a essere stati chiusi.” 

37. Generali Tower, Milan – 2019

FORMATO: 349 x 594 mm

STAMPA: Hahnemühle Baryta applicata su dibond con retrodistanziale

TIRATURA: 1/9 + 2 p.a.

38. Unicredit Tower, Milan – 2019

CODICE: 38

BASE D’ASTA: 300 € 

OFFERTA: 300 €

FORMATO: 594 x 420 mm

STAMPA: Hahnemühle Baryta applicata su dibond con retrodistanziale

TIRATURA: 1/9 + 2 p.a.

39. Empire State Building, NY – 2019

CODICE: 39

BASE D’ASTA: 300 € 

OFFERTA: 300 €

FORMATO: 420 x 594 mm

STAMPA: Hahnemühle Baryta applicata su dibond con retrodistanziale

TIRATURA: 1/9 + 2 p.a.

Mi avvicino alla fotografia quando ho quindici anni. Inizio con il fotografare i fili d’erba dalle radici, che se non fosse stato per la fotografia non li avrei mai guardati dal basso verso l’alto, scoprendo in primo luogo il piacere dell’osservazione e in un secondo momento il potere di conservazione dell’immagine.

Finisco per trovarmi fotografando gli esseri umani e a riflettere me stessa in loro, come quando si legge un libro e ci si ritrova tra le righe. Al liceo divento assistente di un fotografo di moda ed entro nel settore, collaboro con diverse agenzie e dopo qualche anno divento un’agente di modelle. Nel 2017 vengo selezionata da Leica Camera Italia come una dei tre fotografi under 30 in Italia per un progetto di fotografia ritrattistica in occasione della Milano photo week.

I recenti viaggi a New York (2019), Safaga (2019) e Marsala (2021) hanno avvicinato la mia visione della fotografia di moda e ritratto ad un approccio più reportagistico. Al momento collaboro con il progetto Ricordi Stampati di Settimio Benedusi e in contemporanea porto avanti la fotografia e la professione di agente.

 

40. Ambar Cristal, Brooklin – 2019

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/5

41. Gabriele e Rayan Zayeri, Milano – 2018

CODICE: 41

BASE D’ASTA: 300 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/5

42. Kurganova, Milan – 2018

CODICE: 42

BASE D’ASTA: 200 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/5

Nicolas Seegatz nasce a Milano nel 1998 e fin da quando è piccolo ama scattare fotografie. Durante il liceo comincia a fare politica negli ambiti studenteschi e osserva con passione le storie dei grandi fotografi del passato. Studente di Filosofia all’Università Statale di Milano, segue le contestazioni al G20 di Amburgo nel 2017 e inizia a prediligere la forma del reportage per i suoi progetti fotografici. Dal 2020 comincia a lavorare con la fotografia a livello professionale per la creazione di contenuti digitali a Milano e nel 2021 entra nel primo team di 7milamiglia per il progetto “H2O planet” in Africa. 

43. Industrial Hyper – 2019

CODICE: 43

BASE D’ASTA: 150 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: Il bacino della Ruhr in Germania è una delle zone più popolate e industrializzate d’Europa, dopo decenni di estrazione mineraria le grandi fabbriche ormai abbandonate rinascono con imponenti progetti di riqualificazione. Una piscina pubblica troneggia in mezzo a un cortile nel grande parco della vecchia miniera di carbone “Zeche Zollverein” a Essen. Qui durante l’estate le famiglie si divertono in un luogo suggestivo. 

44. Massiccio del Monte Bianco – 2016

CODICE: 44

BASE D’ASTA: 150 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: È inverno in Valle d’Aosta, tra le valli del Monte Bianco qualche avventuriero ha lasciato le tracce con gli sci. I solchi si mescolano con i percorsi dei ruscelli congelati. 

45. Schulterblatt – 2017

CODICE: 45

BASE D’ASTA: 150 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: Durante la notte Amburgo brucia. Durante il summit del G20 la città è stata scossa per lunghi giorni da rivolte violente, molti negozi e supermercati sono stati saccheggiati, nel buio della notte la scena è illuminata dalle barricate in fiamme. È il terzo giorno e la folla ormai si chiede se fermarsi o andare avanti. 

Sono nato il 9 giugno 1982 ad Arcata, in California. È lì che ho frequentato la scuola elementare e il liceo. Nel 2002, invece di andare al college, sono partito per la Spagna con una tromba e una macchina fotografica. Grazie alla mia bellissima madre, Sharon Talvola, la fotografia ha fatto parte della mia vita fin dalla tenera età, ma è stato solo quando ho iniziato a viaggiare frequentemente che la fotografia è diventata parte della mia vita quotidiana.

46. No title, Bilbao, Spain – 2015

CODICE: 46

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: Da Modello 3255, un diario audiovisivo iniziato nel 2015 utilizzando un dittafono a microcassette, un registratore a cassette a 4 tracce, una tromba, un sintetizzatore analogico e una cinepresa da 35 mm.

 

47. No title, Iksan, South Korea – 2017

CODICE: 47

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: Dal diario audiovisivo Modello 3255.

48. No Title, Ibiza, Spain – 2016

CODICE: 48

BASE D’ASTA: 250 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 594 x 420 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/7

DESCRIZIONE: Immagine da Dream, un progetto che è “un esercizio fotografico per una rappresentazione oscura ed erotica dei miei sogni”.

Arianna Todisco è una fotografa documentarista che vive a Milano, originaria di Barletta, Puglia. La sua è una fotografia integrale, fisica, volta a cogliere la parte sensibile delle storie sociali e culturali dei nostri giorni attraverso l’applicazione di un nuovo linguaggio del reportage. I suoi lavori sono stati esposti in spazi come il Mattatoio – Museo d’Arte Contemporanea di Roma, il PAC – Padiglione di Arte Contemporanea di Milano, Fondazione Stelline di Milano, Fondazione Carispezia di La Spezia e altri. Collabora con testate giornalistiche come Washington Post, BuzzFeed News, Rolling Stone, Fisheye, i-D, ViceNews e altri. Nel 2020 fonda la casa di curatela fotografica, Maatrice, di cui riveste il ruolo di Direttore esecutivo.

COMMUNITY HALL

Ghanzi, Botswana 2019

In Botswana ha luogo il più grande festival di genere Metal di tutta l’Africa, l’Overthrust Death Metal Festival. Tutto succede nella Community Hall, un capannone messo a disposizione della comunità per organizzare differenti attività, dai corsi di yoga ai matrimoni. Una rivalsa culturale basata su un approccio fisico, coinvolgente, che tende a subire la diffidenza degli sconosciuti: affermarsi offrendo nuova narrazione alla veste africana.

49. Ritratto di un metal cowboy al corteo di inizio festival – 2019

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo

STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/3

50. Ritratto di un metal cowboy – 2019

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo

STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/3

DESCRIZIONE: Le armi vengono utilizzate solo per estetica, sottolineando il senso di protezione verso i più piccoli della comunità; i piccoli ammirano i metal cowboys come eroi.

51. Ritratto di un metal cowboy – 2019

CODICE: 51

BASE D’ASTA: 125 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo

STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/3

DESCRIZIONE: Ritratto di un metal cowboy all’interno della Community Hall
durante la prima sera del festival.

La luce è l’elemento chiave della mia produzione. Organizzata e costruita artificialmente in studio o catturata nello spazio e nel tempo come se le coincidenze potessero esistere. Nei miei lavori si legge la mia storia di fotografo professionista e la storia più personale di viaggiatore ed esploratore instancabile. Sono nato nel 1958 a Orzivecchi in provincia di Brescia. Ho frequentato l’Istituto Europeo di Design. Nel 1982 apro il mio studio e inizio a lavorare principalmente come fotografo commerciale nel campo pubblicitario. Parallelamente al lavoro in studio, soddisfo il mio interesse per i viaggi e la scoperta del mondo. Nel 1990 inizio una collaborazione con la casa di produzione Albatrosfilm in qualità di direttore della fotografia, collaborazione che ancor oggi è una parte significativa del mio lavoro.

52. Mandalay, Myanmar – 2006

CODICE: 52

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo

STAMPA: Giclée

TIRATURA: Open

53. Ouarzazate, Marocco – 2006

CODICE: 53

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo

STAMPA: Giclée

TIRATURA: Open

54. Majunga, Madagascar – 2011

CODICE: 54

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: Open

Nasce a Brescia nel 1983. Nel 2009 a seguito di precedenti studi in grafica e pittura si laurea in Fotografia Artistica con il massimo dei voti. Nel 2009 viene pubblicata sulla rivista Internazionale Zoom e vince il Premio Telethon. Nel 2011 partecipa alla Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo con un progetto insieme a Studio Azzurro. Nel 2014 la personale al Museo Nazionale della fotografia, nel 2016 la partecipazione al Documentario TV canadese “L’Art Erotique” e un capitolo nel libro “Il Corpo Solitario” di Giorgio Bonomi.

Lavora in Italia e all’estero collaborando con gallerie per lo più inglesi, le sue opere risiedono in varie Collezioni Permanenti tra cui citiamo il Museo MACS e il Museo MUSINF. 

La sua ricerca artistica nasce dal mezzo fotografico imponendo fin da subito la necessità di eliminare le delimitazioni spaziali e mentali di opera fotografica quadrata e bidimensionale. 

CHANGING TIME 2012-2017

Nel sonno dell’uomo che lo sognava, il sognato si svegliò. […]

Prima (perché non sapesse mai che era un fantasma, perché si credesse un uomo come gli altri) gl’infuse l’oblivio totale dei suoi anni di apprendistato…

Non essere un uomo, essere la proiezione del sogno di un altr’uomo: che umiliazione incomparabile, che vertigine! Andò incontro ai gironi di fuoco: che non morsero la sua carne, che lo accarezzarono e inondarono senza calore e senza combustione…

Con sollievo, con umiliazione, con terrore, comprese che era anche lui una parvenza, che un altro stava sognandolo…

(“Finzioni”, J. L. Borges)

55. Er-In (serie Changing Time) – 2017

CODICE: 55

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo

STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/4

Apokalipsis … 2020

Sono i primi giorni di marzo e sono in Lombardia, Italia, nel bel mezzo della zona rossa. Sono chiusa in casa, devo evitare il contatto con le persone per prevenire la diffusione del contagio, non abbiamo più posti negli ospedali e rischiamo di dover scegliere chi curare se ci sono troppi pazienti. Ho iniziato questo progetto il giorno prima dell’ordinanza sull’epidemia, avevo deciso di interpretare le ultime catastrofi e il futuro dell’umanità ma si è bloccato in modo stranamente perfetto e inquietante. Ora me ne occupo tra le mura solitarie, pianificando la stampa e i prossimi scatti. Il mondo sta raggiungendo il punto di non ritorno, stiamo quasi crollando, il coronavirus sta rapidamente mettendo in ginocchio la salute psicofisica delle persone e l’economia mondiale… nel frattempo l’Antartide si scioglie, il permafrost esce allo scoperto, gli animali muoiono di fame, vengono uccisi o muoiono a causa dell’inquinamento. L’Australia è bruciata… L’Amazzonia è bruciata. In questo momento faccio quello che so fare, fotografo, interpreto il visibile e l’invisibile…

56. Platfond-A (serie Apokalipsis) – 2020

CODICE: 56

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo

STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/4

57. REC (serie Apokalipsis) – 2020

CODICE: 57

BASE D’ASTA: 400 € 

OFFERTA: xxx €

FORMATO: 420 x 594 mm

CARTA: Hanehmüle Bamboo
STAMPA: Giclée

TIRATURA: 1/4

Informativa Privacy

Versione: 2 - Data informativa: 03/07/2018

Clicca sul pulsante per aprire l'informativa:
Privacy Policy

Ho letto l'informativa sulla privacy (visibile qui sopra oppure al link Informativa Privacy) ed acconsento all'invio ed al trattamento dei miei dati personali. *

 

 

* campi obbligatori

MAIN GLOBAL PARTNERS



OFFICIAL PARTNERS



PARTNERS



CREATIVE PARTNERS



TECHNICAL PARTNERS



INSTITUTIONAL PARTNERS